Unicredit si dà un’immagine green: 9 miliardi entro il 2023

Un aumento del 25% degli investimenti, tutti in sostenibilità. C'è l’intenzione di utilizzare esclusivamente energie rinnovabili.

438 0
438 0
unicredit mustier tassi correntisti

Un aumento del 25% degli investimenti, per un totale di oltre 9 miliardi di euro entro il 2023. Questo è la cifra che Unicredit ha dichiarato di volere dedicare allo sviluppo della sostenibilità, aggiornando i propri target Esg.

Tra le azioni già intraprese dall’Istituto bancario, infatti, vi è l’eliminazione della plastica da tutte le filiali del Gruppo, uffici compresi. Entro il 2023, inoltre, l’intenzione è quella di far utilizzare ai propri dipendenti solo materiale fatto in plastica riciclabile, sostituendo in toto gli oggetti in plastica monouso.

Non solo. Anche per quanto riguarda le fonti energetiche, Unicredit ha espresso la volontà e l’intenzione di utilizzare esclusivamente le rinnovabili per quanto concerne le sedi italiane, tedesche ed austriache. Dopo le recenti polemiche per il trasferimento dei costi dei tassi negativi sui correntisti e per la violazione di 3 milioni di dati personali nel 2015, la banca ha interesse a rifarsi l’immagine.

Unicredit: via la carta e la plastica

Ma l’immagine eco che la banca vuol dare di sé non finisce qui. Tra gli altri obiettivi fissati per il 2023 c’è anche quello di investire un miliardo di euro in progetti che abbiano un impatto sociale positivo. L’iniziativa, che prende il nome di Social Impact Banking, è già partita in Italia. Essa ha visto l’erogazione di oltre 100 milioni di euro a beneficio di imprese e microimprenditori il cui lavoro abbia un impatto a livello sociale. Toccherà altri 11 Paesi in cui l’Istituto è presente a livello operativo.

Altro punto legato alla sostenibilità è quello legato all’utilizzo della carta. Qui, già nel 2018, il Gruppo ha usato carta di matrice ecologia per il 60%. A questo, si affianca ovviamente il sempre più spinto utilizzo della tecnologia, Dove il Paperless Branch Programme ha consentito di scansionare e conservare in maniera elettronica circa 9 milioni di documenti nel corso dello scorso anno.

Ancora, Unicredit ha incrementato i prestiti verso i clienti legati al tema dell’efficienza energetica. La banca ha inoltre confermato il target delle tempistiche di uscita dal settore del carbone, con l’obiettivo di essere tra le Top5 nella classifica dei Green Bonds e ESG-linked per quanto riguarda il mercato EMEA.

A riguardo, le parole dell’AD Jean Pierre Mustier sono state le seguenti:

“La sostenibilità è parte integrante del DNA del Gruppo” ed è “un elemento chiave del nostro modello di business”. “Costruire un futuro sostenibile è una sfida importante sia per le persone che per le imprese”.

In this article

Scrivi un commento