Voltafaccia TAV: “Tutti i miei colleghi del M5S dovrebbero dimettersi”

Airola: "Di Maio ha fatto una dichiarazione pilatesca. Sa benissimo che in Parlamento non abbiamo i numeri per bloccare l’opera".

345 3
345 3

«Sono affranto, non riesco a credere che questa nostra battaglia possa finire così». Lo afferma il senatore Alberto Airola, da sempre un No Tav, intervistato sul Corriere della Sera da Gabriele Guccione dopo l’annuncio del Sì all’opera fatto dal premier Conte. Senatore, che cosa farà adesso? «Avevo promesso che mi sarei dimesso se la Tav fosse passata. Non era un ricatto, l’avevo detto d’impeto». E dunque si dimetterà? «Dipende, valuterò nei prossimi giorni». Da che cosa dipenderà? «Qualcuno mi ha fatto notare che se mi dimettessi ora non conterei più nulla, invece bisogna restare in Parlamento per continuare a osteggiare quest’opera inutile e dannosa. E, in fondo, penso pure un’altra cosa…».

Che cosa? «A dimettersi dovrebbero essere tutti gli altri 5 Stelle, non io che sono rimasto coerente». Di Maio ha ribadito la sua contrarietà al super-treno e ha chiesto che siano le Camere a esprimersi col voto. «Di Maio ha fatto una dichiarazione pilatesca. Sa benissimo che in Parlamento non abbiamo i numeri per bloccare l’opera. Dovevamo prima di tutto risolvere la questione tra di noi, con il nostro contraente, la Lega». Nel contratto di governo c’era scritto che l’opera andava ridiscussa, non bloccata. «Ma questa ridiscussione non è stata sufficiente. E Di Maio non può pensare di lavarsene le mani».

E il premier Conte? «In questi mesi gli ho scritto una valanga di email per spiegargli come sospendere l’opera davanti alla conferenza intergovernativa. Ho stima di lui, ma è stato malconsigliato, altrimenti non direbbe che il Tav adesso costerà meno e che, se non si dovesse fare, l’Italia perderebbe dei soldi. L’Europa ha promesso più fondi, ma non ha ancora firmato niente. E di penali non ce ne sono».

 

In this article

Scrivi un commento

3 commenti

  1. peter pan

      

    Ciao Robyuan, vivo e vegeto e spero di durare ancora un pochino per veder disintegrarsi questa accozzaglia di bambinelli del tipo reclame di Negroni. Mario, l’ho sentito ed è sempre ricoverato e saluta tutti.
    Se verrò a Rimini saprò dove trovarti!
    Un caro saluto e buona notte!

    Originariamente inviato da robyuan: caro peter vedo che sei ancora vivo e faceto. bene, e bene fai a non paragonare il DUCE con questi pezzenti. un grande saluto a te e a tutti quelli rimasti. se capiti a rimini avvisa.

     

  2. robyuan

      

    caro peter vedo che sei ancora vivo e faceto. bene, e bene fai a non paragonare il DUCE con questi pezzenti. un grande saluto a te e a tutti quelli rimasti. se capiti a rimini avvisa.

  3. peter pan

      

    L’unica cosa che è riuscita “bene” a questi parvenu della politica è stata l’eliminazione della povertà. L’hanno persino dichiarato dal balcone… tipo Mussolini, ma Benito era di ben diversa pasta. Questi al massimo sono di semolino. Dovrebbero dare le dimissioni, vero ma il primo dovrebbe essere Tontinelli… Ma chi lo schioda???? Una volta fuori dove va a guadagnarsi la pagnotta? Deve ancora pagare le rate del suv per la signora….
    Una prece.