Tutto considerato, la Borsa di New York rimane un buon investimento

Goldman Sachs: con una crescita economica Usa del 2%, ci troviamo in un ambiente perfetto per l'aumento dei prezzi delle growth stocks.

324 0
324 0

Cosa sta succedendo qui?

Gli investitori potrebbero essere in cerca di una vacanza: un rapporto pubblicato lunedì prevede che le ultime settimane del 2019 saranno piene di allegria, per il mercato azionario statunitense.

Cosa significa questo?

Il mercato americano è andato bene recentemente: un allentamento delle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina ha portato le scorte ad un livello record la scorsa settimana. E la banca d’investimento Evercore ritiene che la crescita continuerà: ritiene che i prezzi delle azioni aumenteranno ulteriormente man mano che una riduzione radicata delle tariffe diventa più probabile. Gli analisti di Evercore  pensano inoltre che l’economia degli Stati Uniti sia più sana rispetto a sei mesi fa – e con le stime sull’aumento futuro dei profitti delle aziende, le scorte potrebbero aumentare del 2% in più rispetto a quelle attuali.

Evercore non è l’unica banca che sente di dover brindare. La scorsa settimana, JPMorgan e Citigroup hanno entrambe raccomandato di acquistare attività più rischiose – e Goldman Sachs ha previsto che la festa continuerà fino al 2020, con un ulteriore aumento del 10% dei prezzi da acciuffare per la borsa statunitense.

Borsa Usa, “buone chance di scalare muro della paura”

Perchè dovrebbe interessarmi?

Per i mercati: crescita, non oro.

Secondo Goldman, i titoli del comparto “crescita” – quelli con ricavi e profitti in rapido aumento – ottengono buoni risultati se la crescita economica è compresa tra lo 0-3%. Dato che la crescita economica Usa dell’ultimo trimestre è stata del 2%, la banca pensa che ci troviamo in un ambiente perfetto per l’aumento dei prezzi delle growth stocks. È particolarmente, GS, ai titoli che pagano dividendi elevati, pensa che siano sottovalutati di quasi un terzo. Altri analisti pensano che anche le aziende più piccole (small cap) potrebbero trarne vantaggio: il loro focus domestico le isola dal dramma della guerra commerciale, ma raccoglieranno comunque le giuste ricompense se tariffe e dazi vengono eliminati e l’economia cresce. Sono i bond  e i metalli preziosi (come l’oro) che gli investitori probabilmente venderanno, per riposizionare il portafoglio e acquistare azioni.

Il vento sta cambiando: investitori in fuga dai Bond

Per te personalmente: tieni duro.

Se hai un portafoglio che è bilanciato tra azioni e obbligazioni, probabilmente non devi fare nulla di diverso per trarne profitto – a meno che non si tratti dell’inevitabile ritorno ad asset sicuri quando arriverà un rallentamento. Ma devi assicurarti di riequilibrare regolarmente: vendere alcune delle tue azioni di alto livello se iniziano ad essere una parte troppo ampia del tuo portafoglio.

Ringraziamo www.finimize.com per la gentile concessione.

In this article

Scrivi un commento