Banche, una denuncia alla Procura di Roma contro JP Morgan per prestito di 5 miliardi a MPS

Elio Lannutti ha depositato alla Procura di Roma un esposto denuncia a nome di Adusbef, Associazione difesa consumatori ed utenti bancari, finanziari ed assicurativi, contro la banca americana …

5477 0
5477 0

Elio Lannutti ha depositato alla Procura di Roma un esposto denuncia a nome di Adusbef, Associazione difesa consumatori ed utenti bancari, finanziari ed assicurativi, contro la banca americana JP Morgan, aprendo un altro capitolo nella vicenda del Monte dei Paschi di Siena, l’istituto toscano il cui dissesto ha rischiato e rischia di provocare pericolose onde d’urto sul sistema bancario.

L’esposto, firmato anche dai parlamentari del M5S Daniele Pesco, Alessio Villarosa, Dino Alberti e Roberta Lombardi, ipotizza “pesanti reati ministeriali” sul prestito ponte di 5,0 miliardi di euro assegnato a JP Morgan senza gara, a rischio zero per la banca americana perché garantito dalle GACS (Garanzia sulla Cartolarizzazione delle Sofferenze). Il colosso bancario Usa ne ricava un profitto notevole, visto che senza l’assunzione di alcun rischio il prestito genera circa 600 milioni di euro di commissioni.

Secondo Lannutti JP Morgan è stata prescelta dal premier Matteo Renzi e dal ministro del Tesoro Piercarlo Padoan, per un motivo preciso: quando era ancora sindaco di Firenze, tramite il “facilitatore” Tony Blair, ex premier inglese in affari privati con una sua societa’ di consulenza, Renzi ebbe un meeting con il potente CEO di JP Morgan, Jamie Dimon (foto sotto), una prima volta nel 2012 nel capoluogo toscano e una seconda volta, gia’ a Palazzo Chigi da un anno, a Londra nel 2014.

Il prestito ponte da 5 miliardi al MPS fu orchestrato dopo che Renzi e Padoan hanno cacciato dal vertice del Monte dei Paschi l’ad Fabrizio Viola, sostituendolo con Marco Morelli, un fiduciario dell’ex ministro del Tesoro ed ex Direttore Generale di Via XX Settembre, Vittorio Grilli.

JP Morgan e’ la banca autrice di un Report del 2013 in cui ai governi degli stati periferici Ue in crisi veniva suggerito esplicitamente di riformare le Costituzioni troppo socialiste: JP Morgan all’Eurozona: “Sbarazzatevi delle costituzioni antifasciste”

Con il referendum del 4 dicembre alle porte, appare sempre piu’ evidente il disegno della grande finanza internazionale, e il ruolo dominante dei banchieri nelle vicende politiche europee e italiane.

Image result for jamie dimon jp morgan

 

In this article

Scrivi un commento