La bufala delle intolleranze alimentari

Inutili quattro milioni di esami, che costano dai 90 ai 500 euro. Truffa legalizzata? Molte analisi prive di base scientifica, gli italiani buttano in totale 300 milioni all’anno. …

4431 2
4431 2

Inutili quattro milioni di esami, che costano dai 90 ai 500 euro. Truffa legalizzata? Molte analisi prive di base scientifica, gli italiani buttano in totale 300 milioni all’anno.

TRECENTO milioni di euro gettati al vento. Due milioni di italiani allergici ai cibi molte volte sono spennati inseguendo il miraggio di un test. Ma i più tartassati sono i malati immaginari, otto milioni di persone sane che per suggestioni hanno sviluppato la convinzione (ingannevole) che qualche sostanza alimentare dia loro fastidio. L’esercito dei sofferenti raddoppia se a questi aggiungiamo altri dieci milioni di italiani, tanti sono quelli che sviluppano intolleranze a nichel, lattosio, conservanti industriali. Gli specialisti calcolano che in Italia la paura spinge a eseguire dai 3 ai 4 milioni di esami inutili e inattendibili.

«Rossori cutanei e disturbi intestinali sono spesso segni di allergie alimentari – afferma Walter Canonica, presidente della Siaaic, la Società italiana allergie asma e immunologia clinica – ma basta una stanchezza inspiegabile, qualche crampo addominale o un vago mal di testa per spaventare una persona, al punto che questa pensa subito di aver mangiato qualcosa di sbagliato. Il fatto è che poi vanno a spendere dai 90 ai 500 euro, a seconda dei casi, per accertamenti improvvisati, o privi di validazione scientifica, con il rischio di sottovalutare i segni della vera allergia o della celiachia».

I MEDICI mettono in dubbio l’attendibilità di esami che spesso vengono reclamizzati nei negozi new age come l’analisi della forza e del capello, il vega test, la biorisonanza. Per consentire anche a chi non è specialista di indicare al paziente i passi giusti da fare, dove farli e a chi rivolgersi per i test, gli esperti hanno elaborato linee guida, e un documento per i ristoratori che potranno accomodare a tavola senza rischi anche i clienti più esigenti.
«Nelle allergie alimentari siamo in grado di individuare con precisione a quale proteina si è realmente ipersensibili – aggiunge Mario Di Gioacchino, docente di allergologia nell’Università Gabriele d’Annunzio di Chieti Pescara – in alcuni casi è possibile consumare un frutto a cui si è allergici togliendo la buccia, oppure un alimento si può mangiare una volta cotto. Dipende dalle proteine che sono coinvolte nell’allergia, conoscerle significa anche sapere se il paziente è a maggiore o minor rischio di shock anafilattico».
Gli accertamenti più precisi sono il prick, da eseguire sulla pelle, il dosaggio delle IgE specifiche, la dieta di eliminazione (isolare i cibi e testarli uno alla volta) e il test di provocazione orale, tutti esami da eseguire in centri specializzati e sotto controllo del medico, evitando il fai da te.

LATTE, UOVA, crostacei, soia e frumento sono responsabili di circa il 90% delle reazioni allergiche alimentari nei bambini. Gli adulti sono suscettibili anche a sostanze che possono essere contenute nelle farine, nelle carni gonfiate o trattate con antibiotici, nella frutta secca o esotica, nelle preparazioni industriali che utilizzano conservanti. Gli alimenti semplici non dovrebbero dare fastidio, ma a volte gli additivi sono talmente tanti che si diventa sensibili.

di Alessandro Malpelo

Questo articolo e’ stato originariamente pubblicato da Quotidiano.net

In this article

Scrivi un commento

2 commenti

  1. ronin

      

    Cibi avvelenati in una società terminale
    di Roberto Marrocchesi – 05/08/2013
    http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=45906

    Nota dell’ autore – il seguente articolo è fondato su una raccolta dati di natura medica, nutrizionale, epidemiologica e sociale svolta negli USA da fonti indipendenti. Se è vero che i fenomeni sociali moderni nascono in quel Paese per venire poi esportati nel mondo Occidentale, possiamo prevedere gli stessi fenomeni da noi entro pochi anni, o anche meno. I segni ci sono già tutti.

    Ci sono più di cinquemila specie di mammiferi sul pianeta Terra, ma solo una di loro è pazza. Non vi è che una specie di mammiferi che volutamente avveleni (e pure i suoi figli), iniettando tossine, sostanze chimiche neurolesive nella maggior parte dei membri della specie. Detta specie è, naturalmente, l’Homo Sapiens.
    Se ci si guarda intorno per il pianeta, si vedono decine di migliaia di specie di mammiferi, uccelli, rettili e insetti. Cinque cose che tutti questi hanno in comune è:

    1) Nessuno di loro mangia alimenti trasformati. Mangiano, non trasformati, alimenti crudi dalla natura.
    2) Nessuno di loro prende farmaci.
    3) Nessuno di loro inietta la prole con vaccini tossici tenuti insieme con prodotti chimici nascosti.
    4) Nessuno di loro pratica l’agricoltura meccanizzata chimica e la monocoltura.
    5) Nessuno di loro vive in deliranti mondi artificiali di TV o Internet.

    Eppure l’uomo, la specie più folle del pianeta, abitualmente s’impegna in tutte e cinque di queste cose, avvelenando il corpo, la mente e i propri figli con metalli pesanti, pesticidi, mercurio, conservanti, farmaci che alterano la mente, solventi chimici, OGM e deliri di programmazione mentale.
    E quindi non è davvero una sorpresa vedere dove questo ci porta. Oggi la nostra società è dominata da immagini di pervertiti affamati di potere, bugiardi patologici al potere, artisti squilibrati balbettanti idiozie inneggianti a Satana come Lady Gaga , giornalisti semi-comatosi che leggono il telegiornale della sera o il nuovo canale TV che ospita gente che va predicando l’infanticidio chiamandolo “aborto post-natale”.

    Qual è la causa principale di tutta questa follia? Ė VELENO. Fisico, chimico, biologico.
    Gli esseri umani si stanno avvelenando a morte.
    Considerate queste verità scioccanti della società moderna:

    • Il nostro cibo è volutamente riempito di veleni chimici per farlo sembrare più vivace (nitrito di sodio), o più sapido (MSG-glutammato), o per durare più a lungo sugli scaffali (conservanti vari).

    • I nostri farmaci sono riempiti con molecole di fluoro per renderli altamente reattivi per le cellule cerebrali (SSRI).

    • I nostri vaccini son formulati con tracce di mercurio e adiuvanti metilici che danneggiano il cervello a provocare una risposta “infiammatoria” nel sistema immunitario che avviene anche per causare autismo, convulsioni e danni cerebrali.

    • I nostri prati sono irrorati con veleni sintetici che causano il morbo di Alzheimer e la depressione.

    • L’ acqua potabile è utilizzata come discarica di rifiuti tossici da smaltire: fluoro e composti chimici che altrimenti avrebbero dovuto essere trattati come rifiuti tossici.

    • Alimenti destinati al consumo umano sono intenzionalmente privati della maggior parte dei minerali, vitamine e sostanze nutrienti per promuovere la malattia massima, mentre alimenti destinati al consumo animale son fortificati con minerali, vitamine e sostanze nutrienti per promuovere l’ingrasso ottimale. (Se non ti rendi conto che il tuo cibo è spogliato della nutrizione, chiediti perché zucchero e pane sono entrambi bianchi quando le piante da cui provengono sono verde e marrone …)

    • I media insegnano al pubblico che la nutrizione è inutile, ma che la prescrizione di farmaci sono “nutrienti essenziali” necessari per una vita sana.

    • Vi è il piombo nei cosmetici, cadmio nel riso, arsenico nelle alghe, mercurio nei vaccini e alluminio in quasi tutto. La razza umana si sta pesantemente avvelenando con metalli pesanti.

    Queste tossine causano danni al cervello.
    L’effetto cumulativo di metalli dà intossicazione, avvelenamento da fluoro, avvelenamento da pesticidi, avvelenamento da vaccini e intossicazione alimentare nel loro insieme sono un danno cerebrale biochimico irreversibile.
    Viviamo in una società in cui il 90% o più della popolazione ha letteralmente il cervello irreparabilmente danneggiato. Questo è il motivo per cui l’irrazionalità è andata aumentando ovunque si guardi. Ė per questo che la gente continua a comprare gli stessi veleni che li hanno già avvelenati mentre ingoia farmaci per mascherare i sintomi di avvelenamento, avvelenando così se stessi ancora di più con le medicine.
    Ė per questo che il trattamento per il cancro è un cocktail chimico (“chemioterapia”) che provoca, come effetto secondario superiore, più cancro. Ed è per questo che un sottoinsieme in rapida espansione della popolazione è ormai del tutto incapace di leggere, di analizzare le parole, di parlare in frasi coerenti o persino di impegnarsi in qualcosa di simile ad un discorso razionale.
    Le conseguenze di questa epidemia di danni al cervello sono sconcertanti. Per cominciare, l’intero sistema della giustizia e della democrazia su cui si fonda la nostra repubblica si suppone riguardi persone sane di mente. Il concetto sacro di una “giuria di vostri coetanei” dipende dai vostri concittadini come sani di mente. L’idea del voto agli uffici pubblici richiede anche elettori sani al fine di raggiungere risultati sani, e il sistema di “libero mercato” del capitalismo e della scelta del consumatore presuppone che i consumatori sappiano prendere decisioni razionali per guidare quel mercato.
    Ma non lo fanno. I consumatori hanno il cervello danneggiato, han subìto il lavaggio del cervello, son istupiditi e manipolati. Gli elettori sono illusi e intenzionalmente confusi. Le giurie sono manipolate e male informate. In ogni settore della società, dove un gruppo di persone sane di mente avrebbe dovuto ripristinare l’equilibrio e la ragione, ora abbiamo i pazzi alla guida della società.
    Mai prima nella storia del mondo il carico tossico sull’uomo è stato così grande (e tragico). Mai prima d’ora l’abisso tra il sano e il folle fu così ampio (e quindi pericoloso). Viviamo in un’epoca in cui la razionalità è estranea alle masse. Come esempio molto semplice, non importa nulla agli elettori americani che Obama ha violato ogni singola promessa elettorale, compresa l’etichettatura degli OGM, la chiusura di Guantanamo, la riduzione del deficit del bilancio federale, migliorare la trasparenza del governo, offrire a prezzi accessibili l’assistenza sanitaria sociale e la protezione della Costituzione.
    Ha gravemente violato ognuna di queste promesse, ma i suoi sostenitori in qualche modo continuano a credere in lui. Tale convinzione è del tutto irrazionale, incomprensibile.
    Ma non è più pazzo di coloro che ciecamente appoggiarono l’amministrazione di Bush, o di Clinton, o di qualsiasi altro. Sostenitori ciechi hanno in comune il fatto d’avere il sistema cerebrale danneggiato e quindi non in grado di pensare razionalmente.
    La situazione è diventata così perversa che chi presenta almeno una traccia di razionalità è immediatamente e pubblicamente disprezzato. Ad esempio, quelli che vedono il crollo economico imminente sono ampiamente ridicolizzati come incompetenti di economia e finanza. Coloro che vedono la rapida costruzione dello Stato di Polizia sono teorici della cospirazione. Coloro che espongono i pericoli degli OGM o la criminalità del settore farmaceutico (come me) sono “anti-scienza” perché non voglion essere ingannati dalle ciarlatanerie della scienza-dogma del settore biotecnologico prostituita a fini di lucro.
    Solo le persone con danni cerebrali sono ormai considerate “normali”; quando l’incidenza di danni al cervello attraverso la società è così diffusa che chi presenta un comportamento intelligente viene evitato come un emarginato, la società è già nella sua fase finale del collasso.

    Adulti che gestivano la società nel 1950 sono stati nutriti con cibi reali nel 1920 e ’30. Quei cibi consistevano, in larga parte, di alimenti freschi del giardino o coltivati localmente. OGM non esisteva. Vaccini tossici erano appena agli inizi. Gli additivi chimici sono stati raramente consumati e prodotti farmaceutici sono stati considerati farmaci da utilizzare esclusivamente su persone malate, e non sull’intera popolazione.

    Come risultato, la maggior parte delle persone che vivevano nel 1950 ha cercato di essere sana e intelligente. Molti erano geni di fatto per gli standard odierni. La matematica della scuola elementare nel 1950 seguiva programmi che, oggi, sono nei corsi universitari: l’algebra e la geometria di base, per esempio. A dieci anni i bambini nel 1950 potevano leggere romanzi classici. I ragazzi di oggi riescon a malapena a leggere fumetti.
    Ingegneri e scienziati del 1950 sono stati brillanti. Con niente di più che semplici regoli calcolatori, potevano eseguire matematica di alto livello che umilierebbe i professori universitari di oggi. Ma gli scienziati di oggi sono spesso solo executive aziendali vomitanti scienza fraudolenta sui farmaci brevettati o semi OGM.
    Alla fine dei ’40 e per tutti i ’50, Big Food cominciò a sfornare alimenti impoveriti di nutrienti a un ritmo mai visto prima nella storia della civiltà umana. Così i ragazzi del 1960 hanno avuto alimenti impoveriti ma sapidi – le cose avevano il sapore ma mancava un vero nutrimento. Con il 1970, erano tutti a mangiare pane bianco, zucchero e altri non-cibi.
    Con gli anni ’80, gli americani erano ormai allevati con questi cibi-imitazione, che li rese sciatti e pigri, e nei ’90 sono diventati deliranti, ed ecco il boom del .com, che divenne ben presto un’icona. Con l’inizio del 2000, l’America era completamente entrata in modalità “danni cerebrali” che è stata esacerbata con l’arrivo di George W. Bush, il primo presidente USA completamente cerebroleso, che aveva difficoltà nel completare frasi o pensieri: ciò che apparentemente ha fatto di lui un uomo così popolare è il fatto che gli elettori condividevano la stessa disabilità cognitiva.
    I bambini cresciuti nei primi anni del 1990 tra farmaci e cibi spazzatura sono ormai i giovani elettori della società. Sono sostenitori di Obama, e sono pesantemente danneggiati dai metalli, i pesticidi, i vaccini, gli OGM e sostanze chimiche di sintesi. Questa generazione è del tutto incapace di imparare o di afferrare concetti fondamentali di matematica, storia, scienze o anche la lingua. Funzionalmente analfabeti e cognitivamente annullati, sono i nuovi “lavoratori zero-class” su cui si basa l’economia di Obama. Non hanno competenze, son demotivati e senza nessun valore per la società che non sia una semplice abilità di lavoro manuale, che sarà presto sostituita da robot umanoidi.
    Eppure in America hanno ancora un voto. Questo è esattamente il motivo per campagne politiche che continueranno ad assecondare la loro ignoranza, sfidando ogni razionalità nella ricerca di sostegno popolare e delega dalle grandi masse del tutto obnubilate.
    Han chiamato queste persone elettori “scarsamente informati”. Ma è solo vero a metà. Essi non sono soltanto a bassa informazione: sono clinicamente cerebrolesi. Perché si può buttare tutte le informazioni che vuoi su di loro, ma non gli entra niente. I cervelli non possiedono più la neurologia per archiviare, elaborare e recuperare informazioni significative.
    In effetti, essi non sono più funzionanti membri di una società civilizzata.
    Siamo circondati da masse di cerebrolesi.
    Queste persone sono ovunque intorno a te, sedute nel tuo consiglio comunale, prendendo il tuo ordine al ristorante, a girare carte in qualche ufficio, versando cemento per la vostra prossima casa, e persino intente a diagnosticare nella clinica locale. Essi sono la società che vedete intorno a voi, e sono la ragione per cui la società si sta sgretolando.
    Sono vittime, naturalmente … vittime del micidiale dogma “scientifico” di sostanze chimiche, OGM, farmaci da presa in giro e vaccini tossici. Il danno, tuttavia, è ormai così diffuso e così completo che la società non potrà mai recuperare. Da qui, è tutto in discesa, con le masse lobotomizzate la società tocca il fondo e ne conseguirà una moria di massa .

    Un giorno, la razionalità e l’intelligenza saranno ancora una volta valutate come facoltà da ammirare e incoraggiare nella nostra gioventù. Quando quel giorno arriverà, sarete testimoni della rinascita di una civiltà che risorge dalle ceneri della nostra odierna società decerebrata. Gli storici definiranno l’Era 2000 – 2020 come la più bizzarra nella storia umana, dove una neurologia difettata ha portato alla società difettata … e in ultima analisi al collasso globale che ha causato la moria di massa.

    La lezione in tutto questo? Quando il cibo non è più nutriente, ma un vettore di veleno, la società non può sopravvivere. Se si vuole risolvere il male della società, è necessario correggere il cibo prima.

  2. belfagor

      

    sono al 100% d’accordo con l’articolo. Io ho speso a luglio 150 euro (fuori SSN) in un centro diagnostico di Roma per un’analisi del sangue che secondo me, col senno di poi, se l’avessi fatta la settimana successiva avrebbe dato risultati completamente diversi (insomma: dioende da cosa hia mangiato nei giorni precedenti). Sono risultato intollerante agli alimenti principali: uova, caffe’, latte e suoi derivati. Che razza di fesseria! ma come faccio a stare senza mozzarella, dolci e cappuccino, dai ditemelo voi!? L’intollerenza era minima (livello 1 su 4) e non va assolutamente scambiata con allergia!!!!
    Secondo me e’ davvero una bufala legalizzata.