Roma non è Atene, ma Salvini dovrebbe imparare da Tsipras

Il populismo può vincere le elezioni, ma al potere è richiesto coraggio per passi impopolari. L'Italia ha bisogno di urgenti riforme.

158 0
158 0

Il populismo. Una parola banale. Una questione che viene sollevata ogni dieci minuti. Sinistra, destra, rosso, blu, verde, nero o turchese, tedeschi, austriaci e americani: populisti, ovunque guardi. In Italia, la situazione è particolarmente tesa. Due partiti populisti vi governano, facendo grandi promesse ai loro elettori. Non dovrebbe sorprendere che la Lega e il Movimento Cinque Stelle siano ancora più coinvolti nella campagna elettorale di Donald Trump, che governa il mondo e i mercati mondiali tramite Twitter. Particolarmente rumoroso, non sorprende, è il capo della Lega Matteo Salvini, che è molto popolare in Italia. Fà il quasi-capo del governo e ha le idee più sorprendenti. Mercoledì Salvini ha fatto una richiesta per tassare il contenuto delle cassette di sicurezza degli italiani al fine di raccogliere fondi. Chiunque faccia da volontario può aspettarsi un’aliquota fiscale favorevole. Tali azioni si fanno di solito solo in guerra.

Non è la prima idea economicamente creativa di Roma. Salvini ha scelto da tempo Bruxelles e le sue rigide regole come il nemico. Questo succede ed è ancora più efficace del suo duro atteggiamento contro i migranti. Si potrebbe anche pensare che Salvini sia stato ispirato da Alexis Tsipras. È stato primo ministro ad Atene per quattro anni. Il socialista era un riformatore radicale, un estraneo. In tutto il continente, un tempo era stato celebrato o temuto come il salvatore di sinistra, portatore di speranza per un nuovo socialismo che avrebbe fatto arrossire la bandiera dell’UE e inaugurare una nuova era a Bruxelles.

Tsipras era a sinistra, ma anche un populista nel lessico. Combatteva con Yanis Varoufakis, un economista radicale che voleva far saltare l’euro dall’interno. Quattro anni dopo, del rivoluzionario Tsipras è rimasto poco. Da tempo la sinistra ha trovato nuovi idoli, come il democratico statunitense Bernie Sanders o il leader laburista britannico Jeremy Corbyn. Il politico Tsipras è ancora lì. Invece di far esplodere l’euro, ha licenziato Varoufakis e poi ha portato avanti una serie di riforme nel suo paese, che gli hanno fatto guadagnare elogi da Bruxelles e dati economici in crescita. È stato un percorso doloroso che ha danneggiato la popolarità di Tsipras. Nelle elezioni europee c’è stato un girovagare per il suo partito Syriza. Tsipras ha chiesto nuove elezioni e ora si impegna a tagliare le tasse. Il radicale di sinistra sembra diverso. Ma la Grecia, una volta malato d’Europa, si è ripresa un po ‘.

Molti a Bruxelles sperano che Salvini possa intraprendere un percorso simile. Non è un segreto che l’Italia oggi è il malato d’Europa. Il territorio deve essere ricostruito con urgenza. I cantieri vanno da uno stato sociale inadeguato a un settore bancario instabile. I progressi sono già visibili, l’OCSE lo ha detto in aprile. Anche con le banche, che potrebbero ridurre i crediti inesigibili. Ma ora si tratta di implementare in modo sostenibile le riforme. Niente è più difficile che domare in modo permanente un mostro burocratico come il settore pubblico italiano. E il fatto che le misure adottate dai precedenti governi (come nel settore delle pensioni) siano state ritirate destano preoccupazione.

L’Italia e Matteo Salvini hanno sicuramente più libertà di quanto non abbiano mai avuto la Grecia e Alexis Tsipras. Soprattutto in tempi di Donald Trump il ricatto e la dura trattativa sono anche molto apprezzati. Il gioco con il fuoco continuerà per un po’. Forse anche l’Europa (vale a dire la Germania) deve muoversi sui limiti di deficit o di debito – o comunque andare incontro all’Italia. Ma il verdetto finale è fatto dai mercati. Gli italiani non vogliono uscire dall’euro, non vogliono rovesciare l’Europa. Quello che vogliono è un governo che semplifichi le loro vite e un’Unione europea che li aiuti. Questo può funzionare, ma solo se tutte le parti in causa si calmano. Succede uando i populisti diventano uomini di stato che sanno anche prendere provvedimenti impopolari.

di Nikolaus Jilch, Die Presse

***

GRECIA: SONDAGGIO, TSIPRAS SCONFITTO DA MITSOTAKIS IN ELEZIONI LUGLIO

Atene, 14 giu. – Il partito Syriza del premier greco Alexis Tsipras perde terreno a vantaggio dei conservatori di Nuova Democrazia di Kyriakov Mitsotakis in vista delle elezioni anticipate al prossimo sette luglio, indica un sondaggio di Pulse. Syriza dovrebbe prendere solo il 26 per cento dei voti, mentre ND il 34,5 per cento, percentuali simili a quelle espresse dagli elettori greci per le elezioni europee dello scorso 26 maggio. I Socialdemocratici otterrebbe il 7% dei voti, i comunisti e l’estrema destra il 5,5 e il 5 per cento. (AdnKronos/Dpa)

In this article

Scrivi un commento